• Scopri le altre aree tematiche di Insegnalo.it

  • Corsi online Premium Corsi in promozione

    Cerca per tipologia di Corso, Prodotto o Servizio

  • Clicca qui per chiedere supporto!

    Vuoi un consiglio? Hai dubbi su quale sia il corso più adatto alle tue esigenze?
    Hai incontrato problemi tecnici durante l'acquisto? Vuoi porci una domanda?
    Contattaci subito!

Psicogenealogia. Cosa ci comunicano i nostri avi?
5.0/5 di voti (1 voti)

albero-psicogenealogiaLa Psicogenealogia è un approccio psicologico, di tipo trans-personale, che fa i primi passi negli anni ’70 del secolo scorso, legato alla psicanalista francese Anne Anceline de Schützenberger, allieva di Jacob Levi Moreno, l’inventore dello Psicodramma e di Françoise Dolto, nota psicanalista infantile.

Studia le influenze dell’ albero genealogico sulla vita di una persona, in particolare sui suoi sintomi, sulle difficoltà relazionali - come la sensazione di un'angoscia inspiegabile  o  la ripetizione di incidenti in corrispondenza di certe date, il non riuscire a tenere un partner, o ad avere figli che restino in vita, il fallire ripetutamente nel lavoro nonostante l'impegno e la competenza ….- e su vari comportamenti inspiegabili se visti alla luce delle esperienze della storia di vita della persona.

famigliaIl nocciolo della Psicogenealogia è tutto qui: dietro ai sintomi di malattie psicosomatiche e di malattie gravi, ci sono comportamenti ripetitivi che portano a drammi, suicidi, scacchi, fallimenti ed incidenti già vissuti all’insaputa del soggetto ovvero ripetizioni di destini in varie generazioni dello stesso clan, agiscono frequentemente dei legami inconsci tra gli interessati e i loro antenati. 
Vuol dire che c’è da verificare se non ci sono “segreti” che non possono essere sfiorati nemmeno col pensiero, conflitti profondi e traumi che riguardano non solo chi li vive nel presente, ma alcuni specifici personaggi del suo albero genealogico oltre ad eventi drammatici di interi popoli (guerre, pogrom, campi di sterminio, tzunami, terremoti, stragi, attentati terroristici....) che mantengono attiva tutta la loro forza conflittuale e si possono concretizzare nella comparsa di sintomi fisici, psicologici, comportamentali. E' come se la persona entrasse involontariamente in un tunnel di “passato-presente che va e che viene ” - per usare le parole della fondatrice di questo approccio – e fosse trasportata da un’ “alleanza invisibile” in una situazione in cui sembra che debba “pagare un debito”, un “pegno”, almeno fino a quando il creditore non venga visto, la programmazione transgenerazionale disattivata e il debito smetta di ancorare l’individuo al passato, personale o transgenerazionale, lasciando libero e meno pesante e coercitivo il suo presente. Insomma egli ha l’opportunità di cominciare a vivere la propria vita e non più quella di un bisnonno morto durante la Prima Guerra Mondiale o di un fratellino morto prematuramente di cui i genitori non hanno mai potuto fare il lutto, e di cui porta persino il nome.

Durante questo incontro gratuito Patricia Puican ci suggerirà come cimentarsi con la psicogenealogia, avrete le chiavi per scoprire i segreti di famiglia, accettarli e – senza tuttavia rinnegare i vostri antenati, scegliere la vostra vita.

Gli obiettivi della psicogenealogia sono : 

« Parlare della propria vita mostrando chiaramente la storia della famiglia nucleare e originaria, mettendo in evidenza le relazioni tra i diversi individui che la compongono ;
(…) Situarsi in una prospettiva transgenerazionale e mettersi alla ricerca delle proprie radici e della propria identità;
Mettere in evidenza i processi di trasmissione transgenerazionale e i fenomeni di ripetizione transgenerazionale(…)
Capire gli effetti di un lutto non risolto, gli effetti del "non-detto", capire la situazione del bambino di sostituzione(…)
Mettere in evidenza anche i differenti ruoli famili
ari, le regole che li sottintendono per comprendere le modalità transazionali che sono in gioco nella famiglia. » A.Ancelin Schützenberger, Aïe mes aiëux, Édition Desclée de Brouwer, Paris 1993.

genogrammaL'USO DEL GENOGRAMMA
Uno degli strumenti che permette all’operatore di comprendere il funzionamento del sistema familiare secondo l’ottica sistemica, e di valutare le connessioni da un punto di vista inter-generazionale, è l’uso del genogramma (Montagano-Pazzagli, 1989).
Si concretizza nella rappresentazione grafica della famiglia che viene costruita dall’assistente sociale, secondo le informazioni relazionali che l’utente fornisce: fissa i rapporti significativi ed intensi di una persona, e permette di interrogarsi sul senso di questi legami.
La continuità di una famiglia, attraverso il tempo, trova una rappresentazione nell’immagine dell’albero, che simboleggia, da un lato, il legame con il passato (le radici) e con il futuro (i germogli), dall’altro, l’unità della base comune (il tronco) e la molteplicità dei rami che ne derivano.
Da ciò proviene la consuetudine di utilizzare l’albero genealogico come rappresentazione grafica della struttura di una famiglia, considerata nel suo aspetto pluri-generazionale. Ma, esiste una sostanziale differenza tra l’uso dell’albero genealogico ed il genogramma: l’albero genealogico presenta la struttura "esterna" della famiglia, la rappresentazione dei legami di parentela che intercorrono tra i suoi membri, senza occuparsi di quanto questi legami, effettivamente, interferiscano nelle relazioni affettive dei vari componenti.
Il genogramma, invece, parte dall’enunciazione dei dati anagrafici, ma guarda ad essi secondo una prospettiva psico-sociale, considerando la famiglia come un sistema basato su di un insieme di relazioni, tenendo conto non solo dei ruoli istituzionali, ma anche dei significati che ciascuno attribuisce a quei ruoli. Si può altresì definire come lo strumento che fornisce la struttura "interna" della famiglia. Il genogramma mette in evidenza le informazioni della famiglia, in modo da offrire una rapida visione di insieme delle complesse dinamiche familiari.

 

Gratis

Iscriviti per ricevere informazioni sulle prossime edizioni:

Condividi la pagina

Avvio Cron Job